Roma 28 Dicembre 2014

Oggi è un giorno speciale per questa città, una vertenza reale e dal basso ha ottenuto la sua vittoria concreta. Il Cinema America ha ricevuto la tutela effettiva dai Beni Culturali. Due vincoli, uno sulla destinazione d’uso ed uno per la tutela degli apparati decorativi, che insieme negano ogni possibilità di riconversione. L’attuale proprietà è finalmente costretta a rivalutare ogni progetto sulla sala, essendo ormai il valore immobiliare dimezzato dalla tutela apposta dal MIBACT: è arrivato il momento di accettare come unica possibilità di riapertura l’utilizzo cinematografico della sala.

A questo punto chi dovrà seguire la vicenda sarà l’amministrazione comunale che crediamo debba attuare una mediazione per la risoluzione di un problema politico: la riapertura immediata del Cinema America. Una cordata di cittadini, giovani e personaggi del mondo cinematografico si sta per comporre al fine di acquistare e delegare la gestione no-profit al territorio ed ai ragazzi che assieme hanno fatto rinascere, mediante l’occupazione, la sala abbandonata da 14 anni. Ognuno avrà la possibilità di partecipare all’acquisto con piccole quote, ci immaginiamo una città proprietaria del suo stesso Cinema.
Questo non perché si crede nell’acquisto privato della sala, bensì perché il Comune di Roma ha preferito non prendersi carico di tale compito ed essendo comunque l’obiettivo ultimo riaprire spazi culturali nella metropoli, abbiamo deciso di agire là dove l’amministrazione comunale è venuta meno, al suo ruolo a livello culturale.

Invitiamo tutti per un brinidisi domani, sabato 29 alle 21.00, prima della presentazione a cura di Andrea Occhipinti di “Pane e cioccolata” di Brusati con Nino Manfredi restaurato dalla Cineteca di Bologna.

I ragazzi del Cinema America.

——————————————————————————–

Cinema America, Franceschini: adesso è protetto da 2 vincoli Mibact

Conclusa procedura per l’apposizione dei vincoli di destinazione d’uso dell’immobile e di interesse storico artistico degli apparati decorativi

 

Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, con due provvedimenti della Direzione regionale  per i beni culturali e paesaggistici del Lazio ha dichiarato, ai sensi del D.Lgs. 42/2004,  l’immobile dell’ex Cinema America di interesse culturale e riconosciuto il valore storico-artistico dei mosaici decorativi che sono stati pertanto sottoposti a tutte le disposizioni di tutela previste dalla normativa vigente.

“Il Cinema America – dichiara il Ministro Franceschini – è adesso a tutti gli effetti protetto da due vincoli che riconoscono l’importanza culturale dell’immobile e il valore degli apparati decorativi. E’ un atto importante per la Città di Roma e per i tanti giovani che, con il proprio impegno civile, hanno salvaguardato un prezioso luogo di aggregazione culturale. Mi auguro che adesso la sala possa tornare presto alla sua vocazione originaria”.

 

Roma, 28 novembre 2014
(LZ) CINEMA AMERICA. DI BIASE: AVANTI TRATTATIVA COMUNE-PROPRIETÀ
“PER RIAPERTURA IMMEDIATA, PROSSIMA BATTAGLIA SU METROPOLITAN”.

(DIRE) Roma, 28 nov. – “Dopo l’apposizione del doppio vincolo da
parte del Mibact, il Comune di Roma deve continuare la trattativa
con la proprieta’, gia’ avviata, al fine di garantire l’immediata
riapertura del Cinema America”. A dirlo e’ Michela Di Biase,
presidente della commissione Cultura di Roma Capitale Capitale.
“Quella della cordata di cittadini, associazioni e mondo
cinematografico- aggiunge Di Biase parlando con l’agenzia Dire-
mi sembra una soluzione attuale e innovativa. La strada da
seguire e’ questa, piu’ volte ho sollecitato l’amministrazione a
guardare verso questa soluzione con l’obiettivo di riaprire
subito il Cinema America. La nostra prossima battaglia- conclude-
sara’ sul cinema Metropolitan”.
(Dip/ Dire)
16:43 28-11-14