Schermo Pirata all’Isola Tiberina con “Pink Floyd: The Wall”

By 17 Aprile 2015Maggio 5th, 2020Il Cinema in Piazza

Un muro che diventa cinema, o meglio uno “schermo pirata”. Venerdì sera, sulla banchina del Lungotevere, è andato in scena ufficialmente “Pink Floyd: The Wall”, con 700 persone presenti per assistere “alla proiezione di quella che è stata la gestione del Cinema America: un mix di ricordi d’epoca e innovazione nel fare cultura e gestire un evento cinematografico – ha spiegato Valerio Carocci, portavoce degli ex occupanti della sala di Trastevere – Rivendichiamo pertanto con quest’azione e con tutti i 700 ragazzi, l’urgente necessità di uno spazio in cui poter continuare il lavoro di creazione, la riapertura delle sale cinematografiche dismesse, partendo dall’America sgomberato 8 mesi fa, la sordità dell’amministrazione non arresterà la nostra voglia e bisogno di cambiare in meglio questa città”.

Carocci ha poi denunciato “l’arrivo della municipale che ha identificato circa 15 persone tentando di interrompere la proiezione a 10 minuti dalla fine altrimenti avrebbero sequestrato il proiettore. Ma ci siamo rifiutati e continueremo a farlo. Dopo avere finito la proiezione al microfono abbiamo denunciato l’arrivo della polizia e l’atteggiamento violento nei nostri confronti – ha aggiunto Carocci – Difenderemo ancora il proiettore”.

Sfoglia la gallery de La Repubblica