PICCOLO AMERICA – BIM DISTRIBUZIONE – IIS CROCE ALERAMO

Presentano il dodicesimo degli #SchermiPirata

In un quartiere di periferia dove l’ultima sala ha chiuso da quasi 10 anni, per una notte, una palestra di un liceo diverrà un cinematografo
aperto a tutta la città. La proiezione ospitata sarà l’anteprima gratuita di “La felicità è un sistema complesso” di Gianni Zanasi
e sarà presentata dal regista e da Valerio Mastandrea.

 

Mercoledì 25 Novembre ore 20.30
Liceo Benedetto Croce – Via Bardanzellu 7
(Metro Ponte Mammolo)

Anteprima Gratuita di

“LA FELICITÀ È UN SISTEMA COMPLESSO”

di Gianni Zanasi
interverranno il regista, Valerio Mastandrea e Giuseppe Battiston.

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=oopehUjhAmg

Film con Valerio Mastandrea, Hadas Yaron, Giuseppe Battiston, Filippo De Carli, Camilla Martini, Maurizio Donadoni,
Teco Celio, Daniele De Angelis, Maurizio Lastrico con l’amichevole partecipazione di Paolo Briguglia e Domenico Diele.

Durata 117 minuti / Uscita in sala 26 novembre

Sinossi
Enrico Giusti (Valerio Mastandrea) avvicina per lavoro dei dirigenti totalmente incompetenti e irresponsabili che rischiano ogni volta di mandare in rovina le imprese che gestiscono. Lui li frequenta, diventa loro amico e infine li convince ad andarsene evitando così il fallimento delle aziende e la conseguente perdita di migliaia di posti di lavoro.
È il lavoro più strano e utile che potesse inventarsi e non sbaglia un colpo, mai.
Ma una mattina un’auto cade in un lago e tutto cambia. Filippo e Camilla, due fratelli di 18 e 13 anni, rimangono orfani di un’importante coppia di imprenditori. Enrico viene chiamato col compito di impedire che due adolescenti possano diventare i dirigenti di un gruppo industriale d’importanza nazionale. Dovrebbe essere il caso più facile, il coronamento di una carriera, ma tutto si complica e l’arrivo inatteso della fidanzata straniera di suo fratello rende le cose ancora più difficili. In realtà sarà il caso che Enrico aspettava da tanto tempo, quello che cambierà tutto, per sempre.

Foto di Danilo Pitrelli (la palestra dove si svolgerà l’evento)


——————————————————————————–

COMUNICATO STAMPA

Torna il cinema a Colli Aniene, dopo quasi 10 anni dalla chiusura della sala Tristar, ultimo spazio socio-culturale della zona, il 25 novembre sera i ragazzi del Piccolo America, grazie ad una collaborazione con la BIM Distribuzione, trasformeranno la palestra dello storico liceo del quartiere, Benedetto Croce, in una sala cinematografica, aperta al territorio ed allo studentato, che ospiterà l’anteprima gratuita del film La felicità è un sistema complesso di Gianni Zanasi. Interverranno il regista e Valerio Mastandrea.

“Abbiamo deciso di riportare il cinema nella periferia di Roma e di attivare in termini culturali questo spazio, normalmente utilizzato per le discipline scolastiche sportive, aprendolo al territorio la sera per dimostrare che un’altra città è possibile, ma anche per denunciare l’assenza di percorsi formativi nelle scuole riguardanti l’audiovisivo – dichiara l’associazione Piccolo America – in questo periodo storico e politico così avvilente, non possiamo che essere noi giovani a farci carico delle sorti dei nostri territori, scuole, periferie, politiche giovanili e culturali di fatto le istituzioni hanno fallito, hanno perso il rapporto con i cittadini e la città, ora possono solamente guardare ed ascoltare chi si muove ed illumina la metropoli autonomamente.”

“Ho accettato con entusiasmo la proposta dei ragazzi del Piccolo America – commenta la preside dell’I.I.S Croce – Aleramo, Emilia D’Aponte – perché incontra pienamente le esigenze formative ed educative dell’Istituto di Istruzione Superiore Croce-Aleramo. Per una sera la sede del Liceo sarà la luce del quartiere, una luce accesa da giovani per i giovani. Auspico che non resti un’esperienza unica e ringrazio i ragazzi per averci dato quest’opportunità”.

Il Liceo Croce, facente parte dell’I.I.S Croce – Aleramo, che si articola su tre diverse sedi, è presente nel territorio del IV Municipio dal 1987 ed opera in un contesto assai ampio, con un’accentuata eterogeneità sotto il profilo socio-economico, svolge un grandissimo ruolo nel processo di crescita e sviluppo dei giovani di zona. Fin dal momento del suo insediamento nel quartiere, la scuola si è sforzata di venire incontro alle esigenze degli studenti, ma purtroppo negli ultimi anni, al di là della scuola stessa, del centro sportivo e della Biblioteca, che garantiscono la presenza di spazi aggregativi nelle ore diurne, per le attività socio-culturali serali non è più presente alcun luogo. Anche l’ultima sala cinematografica di zona, il Tristar, oramai risulta chiuso da quasi da un decennio.

Una notte in totale simbiosi tra cinema, scuola e territorio, per rompere quell’assordante silenzio in cui sono abbandonati i quartieri periferici della capitale. L’evento, nato dall’incontro tra la Bim ed i ragazzi del Piccolo America, che ancora sono in attesa di uno spazio dove poter svolgere le loro attività, ha trovato nella preside dell’I.I.S. Croce-Aleramo, Emilia D’Aponte, un alleato disponibile, ma soprattutto un interlocutore futuro per proseguire questo tipo di collaborazioni ed esperienze a beneficio di tutta la cittadinanza ed in particolare dello studentato.

“Non crediamo che si possa più parlare di “periferia” dal punto di vista geografico – dichiara ancora il Piccolo America – purtroppo Roma, dal centro al raccordo, è diventata un’unica periferia culturale. Da Trastevere a Colli Aniene e Casal Palocco, i ragazzi non trovano più un rapporto ed un collegamento con gli spazi culturali e sociali, sono stati abbandonati allo svago sfrenato ed alla movida violenta, ma la soluzione è semplicissima: bisogna renderli protagonisti dell’offerta culturale e non semplicemente fruitori. Con questa serata vogliamo dimostrare che vivere il proprio quartiere e la città deve necessariamente significare anche questo, è un invito a riappropriarsi degli spazi e rigenerarli, come del resto abbiamo fatto con il Cinema America”.