Patrimonio Bene Comune-Aggiudicazione provvisoria della Sala Troisi

Cinque anni fa abbiamo formato un’assemblea, l’assemblea “Giovani al centro” convinti che ci fosse l’esigenza politica di avviare un nuovo percorso in città, pratico e pragmatico, con l’obiettivo di mappare gli spazi abbandonati, salvarli e restituirli alla cittadinanza come nuovi luoghi culturali polivalenti. Abbiamo così occupato il Cinema America con l’intento di renderlo uno spazio in cui poter essere “protagonisti e non semplici fruitori”, siamo stati sgomberati e non siamo ancora stati in grado di riaprirlo definitivamente, ma l’abbiamo per ora sottratto alla demolizione e speculazione. Abbiamo vinto al Tar contro il tentativo di rimozione dei vincoli ministeriali ed ora ci stiamo costituendo al Consiglio di Stato per lo stesso motivo.

Dopodiché in questo anno ci hanno cavalcato, preso in giro, ghettizzato, hanno tentato di sfiancarci, ma oggi, dopo tanti mesi di attesa, abbiamo finalmente raggiunto un altro sorprendente risultato. Abbiamo restituito alla città un nuovo spazio: oggi abbiamo vinto il bando per l’assegnazione della Sala Troisi di Via Induno, esclusivamente sulla base della nostra storia e della nostra idea di spazio culturale e sociale polivalente. Oggi proseguiamo ancora con la nostra identità e spensieratezza quella “Brutta, sporca e cattiva”, di chi è pronto a tutto per ciò in cui crede.
Questa, però, è un’assegnazione particolare: è una rivendicazione politica stessa, in quanto la sala trasteverina è passata dall’essere occupata sine titulo da una delle più grandi società dell’esercizio cinematografico, la Mediaport SRL di Giorgio Ferrero (anche presidente di ANEC LAZIO e nipote del Viperetta della Sampdoria), all’essere data in gestione alla più piccola e giovane esperienza politica, culturale e sociale che abbia mai messo piede nel settore cinematografico, costituitasi tra l’altro in associazione culturale non a scopo di lucro.
E se l’avessimo rubata potremmo dire “Rubiamo ai ricchi per dare ai poveri”, ma questa volta l’abbiamo sottratta allo Sceriffo di Nottingham e l’abbiamo finalmente restituita alla città, con gli stessi loro strumenti con cui rendevano impermeabili le istituzioni alle realtà spontanee sociali.
Questo spazio non sarà una sala cinematografica come l’avete vista fino ad ora, bensì un operatore culturale vivente, una palestra di democrazia, un laboratorio di rapporti sociali, un presidio di ragazzi a tutela dei territori e di valori come l’antifascismo e l’antirazzismo. Ci piace immaginarla come un polo aggregativo che dà vita al territorio circostante e che da questo riceve la sua stessa linfa vitale, come una spugna che si lascia riempire dei contenuti delle realtà esterne, al tempo stesso inondando tutta la città dei propri.
Per questo annunciamo che è solo l’inizio, il “Piccolo America” si pone l’obiettivo di continuare ad essere una realtà sociale spontanea in grado di muoversi liberamente nella città e di aprire altri spazi, restituendo luoghi alla cultura come abbiamo fatto e continueremo a fare con gli “Schermi Pirata” ed il Festival di Trastevere.

Ringraziamo in primo luogo tutti i residenti, le loro associazioni ed i nostri amici e genitori che ci hanno sostenuto e fatto rialzare ogni volta in cui hanno tentato di farci mollare la presa. A Francesco Bruni, Alfonso Perrotta e l’avvocato Claudio Giangiacomo un abbraccio speciale, perché non hanno mai smesso di sopportarci e supportarci. Un altro importante ringraziamento va alle persone e realtà che hanno sostenuto formalmente il progetto: Carlo Degli Esposti, Nicola Giuliano e Francesca Cima, Piera Detassis per CityFest, Gian Luca Farinelli per Cineteca di Bologna, Tinny Andreatta per Rai Fiction, Emiliano Morreale per Cineteca Nazionale, Gianluca Arcopinto per XELOTIL PRODUZIONI, Riccardo Tozzi per ANICA, Giovanna Melandri e Mario Sesti per Fondazione Maxxi, Vincenzo Spadafora per Autorità Garante dell’Infanzia e l’Adolescenza, , Silva Scola per ANAC, tutto il direttivo di 100Autori, Marco Delogu per Festival Internazionale della Fotografia di Roma e decine di autori ed attori del mondo cinematografico. Inoltre tutte le scuole, la Consulta Provinciale degli Studenti ed i centri anziani del Municipio Roma I hanno stipulato convenzioni con il progetto assieme alla compagnia teatrale ZAPPATTORI che continuerà i laboratori iniziati nel Cinema America.

Se “C’era una volta in America” una nuova idea di città oggi più che mai ribadiamo che siamo pronti ad abbandonare ogni progetto e idea se ci fosse nuovamente bisogno di noi in Via Natale del Grande.

“Dicono che c’è un tempo per seminare ed uno più lungo per aspettare, noi diciamo che c’era un tempo sognato che bisognava sognare”

…urlano in coro i ragazzi che hanno animato e salvato il Cinema America.

Venerdì alle 22.00 Brindisi di festeggiamento al Big Star di Via Mameli 25.